Castle Volley 2019: a Grottazzolina in scena il divertimento!


Grottazzolina - Il ricco panorama pallavolistico della Scuola Pallavolo M&G si arricchisce di un ulteriore, interessante e simpatico tassello, e lo fa direttamente nel paese cui è legata la sede sociale del sodalizio, Grottazzolina.

L’idea, nata dalla volontà di alcuni grottesi, trae origine da un duplice ordine di desideri: da un lato la volontà di rivivere le emozionanti disfide pallavolistiche che un tempo animavano la piazzetta del castello di Grottazzolina, da cui il nome del torneo (“Castle Volley”); dall'altro lato, però, nondimeno importante, un valido ed intelligente tentativo per rianimare il centro storico utilizzando un veicolo diverso dalla classica sagra o festa o concerto, e cioè farlo attraverso lo sport.
Un plauso, dunque, ai ragazzi che con grande spirito di iniziativa hanno messo a disposizione il proprio tempo per divertirsi, senz'altro, ma in nome di un bene comune.

Un nome quasi scontato per la sua immediatezza; nome che però, per i grottesi amanti della pallavolo (e sono davvero tanti suddivisi in altrettante generazioni...) evoca ricordi ed emozioni uniche e difficilmente descrivibili. Andiamo dunque a farci raccontare questa simpatica iniziativa direttamente da parte di uno di coloro che tanto alacremente si è adoperato affinché essa potesse realizzarsi, ovvero Tonino Bonifazi: "Quel rettangolo, che la storia del nostro paese ci ha regalato, sembra fatto a regola d’arte per poter piazzare una rete, trovare un pallone ed iniziare a giocare. Una sera ci siamo incontrati e abbiamo iniziato a ricordare. Ognuno un particolare, un episodio, una storia che abbiamo vissuto, ma un nome in particolare, 'un personaggio' ha unito, con grande malinconia - perché purtroppo non è più tra noi - i nostri racconti, e cioè Giancarlo Buschi, colui che per anni sequestrava o negava di aver visto ogni palla finita nei paraggi del suo negozio. Si narrano racconti fiabeschi, su stanze piene di palloni lasciati soli e mai riutilizzati… a lui vogliamo dedicare un ricordo particolare."

Storie di paese, dunque, e di un'epoca che non c'è più, di anni in cui (e mi ci metto anche io) non esisteva nulla di più divertente del giocare in piazza, per strada o in mezzo ai campi, con reti di fortuna e palloni spellati e malridotti. Concedendomi un paragone forse anche paradossale, mi piace sottolineare come nell'epoca del 3D (che nel frattempo sta diventando 4D o 5D), dei videogames super-realistici di fronte ai quali tanti ragazzi passano ore ed ore alienandosi dal mondo reale, nulla e nessuno potrà creare una realtà virtuale più realistica di quella che si viveva per strada in quei momenti. Momenti in cui se il pallone andava "di sotto" non bastava premere reset per riavviare la partita; momenti in cui se con una schiacciata malriuscita beccavi un vetro, non bastava spegnere la tv per non pagarne le conseguenze. Tempi diversi, vero, ma che dovremmo tutti sforzarci di far rivivere. Onore dunque a Tonino ed agli altri grottesi per aver pensato e realizzato Castle Volley.
"Da tutto questo è partito il nostro progetto, con alla base le solite regole del volley a tre, vincolo di tesseramento massimo serie D, ma soprattutto un’impronta legata ai ricordi e alla voglia di riportare in quella piazzetta quegli stessi ragazzi che un tempo si erano scontrati in quel rettangolo, da cui l’idea di circoscrivere il torneo ai soli grottesi. Si è dato il via al passaparola, per cercare di capire la reazione e l’interesse delle persone, e con nostro grande stupore siamo immediatamente stati sommersi di interesse e da un'insolita (per il periodo storico che stiamo attraversando) voglia a partecipare."

Segnale chiaro ed inequivocabile che per accorgersi di quanto una idea apparentemente banale possa essere apprezzata, la regola numero uno è provare a realizzarla. "In una settimana abbiamo raggiunto più di 50 iscrizioni over e quasi 20 iscrizioni junior. Il torneo si è articolato su tre settimane, e dal punto di vista tecnico-organizzativo ha avuto un sostanziale supporto da parte dell’amministrazione comunale. Grande riscontro da parte del pubblico, sempre numeroso e presente.Tutti i giocatori sono stati omaggiati di una maglietta gialla, con la quale disputare tutti gli incontri."

Il resto è cronaca di partite, risultati, ma soprattutto tantissimi sorrisi, e tutto ciò potete trovarlo sulla pagina Facebook "Castle Volley 2019 Grottazzolina"
A noi interessa davvero poco chi ha vinto o chi ha perso; a noi interessa raccontare una magnifica idea diventata realtà! Bravi ragazzi, appuntamento dunque con l'edizione 2020...

V.F.