C’è tanta Videx nella formazione ideale del girone blu 19/20

La vostra squadra migliore” è il nome dell’iniziativa ideata da Romano Giannini, coach della Nova Volley Loreto, per eleggere i migliori interpreti della stagione appena conclusa di A2, A3 e serie B. Un’idea nata essenzialmente per valorizzare, per quanto possibile, un’annata rimasta orfana della sua fase calda attraverso il coinvolgimento complessivo di 348 interpreti tra protagonisti e addetti ai lavori. A ciascuno di loro è stato chiesto di eleggere i migliori sestetti, di partenza e di riserva, in modo da stilare in maniera univoca il roster ideale per ciascuna categoria e ciascun eventuale girone.

Il girone blu di A3 ha trovato il contributo di 12 tecnici, 10 dirigenti e 23 giocatori, dai cui voti è scaturito un sestetto che vede la Videx protagonista in cabina di regia e in attacco con le rispettive presenze, più che doverese, di Manuele Marchiani e del duo Vecchi - Snippe. 

Netto il primato del palleggiatore originario di Loreto che ha racimolato 25 voti favorevoli, seguito da Natale Monopoli (Menghi Macerata) a quota 19. In banda il primato spetta a Riccardo Vecchi, rivelazione del campionato: 21 preferenze per il classe ’96, seguito a ruota da Willy Snippe con 19 voti. La batteria degli schiacciatori si chiude con Juan Manuel Gonzalez (Corigliano) e Federico Rossatti (Tuscania), rispettivamente con 16 e 14 preferenze.

A completare la diagonale c’è Alejandro Rizo (Menghi Macerata) che con 20 voti a 19 vince il duello con Stefano Giannotti, mentre al centro Alessandro Arienti e Giulio Romagnoli si assestano nelle retrovie di una classifica guidata in maniera netta da Mario Ferraro (Tuscania): 20 voti per il classe ’87 siciliano, assistito da Antonucci (Roma Volley Club) con 15 preferenze.

Di marca Tuscania anche le redini della difesa. E’ infatti il giovanissimo Domenico Pace, non ancora ventenne, ad aggiudicarsi la palma di miglior libero del girone: 19 voti per il classe 2000, uno in più di Roberto Romiti.

Numeri ed attestati che possono solo accrescere il rammarico in casa Videx per un epilogo di stagione certamente in difetto rispetto agli ineccepibili meriti dei ragazzi sul campo.