M&G/CM: Videx, grazie per le splendide emozioni!

 

M&G VIDEX GROTTAZZOLINA – U.S. VOLLEY ‘79  2-3

M&G VIDEX.  Pison, Rossi, Ricci (K), Romagnoli, Di Bonaventura, Cappelletti, Mercuri (L1), Perini, Viciedo, Alesiani, Sciarresi (L2). All. Rogani 

U.S. VOLLEY ‘79.  Gulli, Ramadori (K), Sannino, Pettinari, Giacomini, Faini, Guazzaroni, Quaglia (L), Ortolani, Bernacchini, Vignaroli, Simeone. All. Bernetti V.All. Popolo

Parziali: 22-25 / 21-25 / 27-25 / 27-25 / 14-16
Arbitri: Perotti Marco – Silvestri Pierpaolo

GROTTAZZOLINA. Ci si aspettava una partita avvincente, e così è stato. Gara 2 delle semifinali promozione di Serie C maschile ha visto in campo due squadre con storie diverse: da un lato la US Volley '79 costruita per tentare il salto di categoria, dall'altro una M&G che va oltre le più rosee aspettative, soprattutto se ci si sofferma a guardare il pessimo andamento nei play off. Eppure, nonostante il rischio di sentirsi "appagati" potesse essere alto, i padroni di casa mostrano a chiare lettere l'intento di proseguire "il sogno" di portare più avanti possibile la serie, ambizione opposta (chiaramente) a quella dei civitanovesi che scendono invece in campo con il forte intento di chiudere qui il discorso qualificazione alla finale promozione.

I primi due set vedono gli ospiti più concentrati e "cattivi", soprattutto nei momenti importanti dei set, con Pettinari (ex di turno sempre apprezzatissimo) che mette a terra palloni pesanti e un fondamentale del muro a farla da padrone sulle velleità degli attaccanti grottesi.

Come in gara 3 dei quarti di finale, però, la M&G ritrova il meglio di sé "ad un passo dalla fine". Una volta arrivati a giocarsi il possibile ultimo set della stagione, infatti, Pison e compagni trovano energie ormai insperate, e partendo fortissimo si scrollano di dosso ogni timore reverenziale nei confronti del forte dirimpettaio. Complice anche un pizzico di rilassatezza nelle fila ospiti, inizia così una inattesa quanto incredibile rimonta, sfilando al fotofinish il terzo parziale.

Nel quarto "gioco" lo sforzo proferito nel set precedente e la maggior aggressività dai nove metri da parte di Ramadori (altro ex sempre caro, così come il libero Quaglia) e soci, porta subito il parziale abbondantemente nelle mani della Volley ’79. La M&G prova non senza difficoltà a restare aggangiata al match, ma la partita sembra aver già preso la sua strada definitiva. Sul 20-24 per i ragazzi di mister Bernetti, però, accade l’impensabile! Romagnoli si presenta al servizio e con un turno efficacissimo (3 aces su di un Quaglia fino a quel momento perfetto) annulla i quattro match point e riporta la M&G in parità. L’incredulità nei volti di capitan Ramadori e soci fa da contraltare alla consapevolezza di poter dire ancora la loro per i padroni di casa. Con un muro vincente di capitan Ricci su un ottimo Pettinari, il match va al tie break, fra il tripudio del numeroso pubblico accorso sugli spalti.

Il set decisivo vede le due formazioni andare a braccetto fino al cambio campo. La Videx prova a scappare fino all'11-8, poi un po' di imprecisione (soprattutto in ricostruzione) e un ottimo contrattacco da parte degli uomini di mister Bernetti, la contesa ritorna in parità. I ragazzi di mister Rogani conquistano addirittura il primo match point, ma due errori gratuiti consegnano un altro match ball agli ospiti che Ortolani in contrattacco trasforma nel punto decisivo che consegna all’US Volley '79 la finalissima.

La pallavolo è meravigliosa anche per questo: ti permette di avere addirittura del rammarico in una gara che stavi perdendo 0-2, ed in cui più volte hai sfiorato la parola fine. Alla resa dei conti, forse, il tie break lo avrebbe anche meritato la M&G Videx, se solo fosse stata un pizzico più cinica nei momenti topici. La realtà dei fatti, però, è che la serie se la aggiudica con merito una Volley '79 che, nel complesso delle due gare, ha dimostrato di essere squadra più forte.

MIGLIORI SEI: per questa partita ci permettiamo di dare la palma di migliori giocatori a tutti i ragazzi scesi in campo (da ambo le parti), per aver dato vita ad un grande spettacolo che ha entusiasmato il pubblico sugli spalti, ma anche e soprattuto per la correttezza e sportività delle due compagini, cosa affatto scontata vista l'importanza della posta in palio.