Sitting Volley, un progetto davvero 'di classe'!

 

Una vera e propria festa nel nome del Sitting Volley, quella che a Grottazzolina, sul campo dei campioni della Serie A2, ha visto sfidarsi i tanti ragazzi della Scuola Secondaria di primo grado cittadina, sui rettangoli di gioco allestiti in occasione della chiusura del progetto scolastico per l’apprendimento del gioco della pallavolo da seduti. 
Un progetto, promosso dalla Federazione Italiana Pallavolo in collaborazione con M&G Scuola Pallavolo, che è stato fortemente voluto dalla docente Antonietta Quintili, con il supporto in qualità di “esperto” di Riccardo Minnucci. Un vero e proprio percorso alla scoperta del sitting volley, disciplina che sta prendendo sempre più piede in Italia, e che fa dell’integrazione attraverso lo sport il suo messaggio più nobile. Una pallavolo giocata da seduti che unisce disabili e normodotati, tutti insieme in campo per dimostrare che nella pallavolo non esistono barriere.
Un percorso che va avanti da settimane, con M&G Scuola Pallavolo a fare da capofila - una delle prime società pallavolistiche di Serie A in Italia - nell'introdurre questa meravigliosa disciplina all'interno delle scuole; un percorso che, peraltro, ha registrato da subito grande apprezzamento da parte dei giovanissimi coinvolti, segno che non si deve aver affatto paura di "innovare", soprattutto quando ciò coincide con concetti socialmente fondamentali quali l'integrazione, la condivisione e l'abbattimento di qualsivoglia barriera o discriminazione, fisica e non.
Particolarmente significativo, da questo punto di vista, il torneo scolastico di chiusura svoltosi ieri pomeriggio al Palas, salutato con grandissima emozione dal Sindaco di Grottazzolina, Remola Farina, dall’Assessore allo Sport Anna Screpanti, e dal direttore tecnico di M&G Scuola di Pallavolo Massimiliano Ortenzi, che ha tenuto fortissimamente a sottolineare come la società sia sempre in prima fila nei confronti di iniziative volte a veicolare valori profondi e positivi attraverso lo sport, ancor più verso i giovani: "Una bellissima iniziativa, che continua nella direzione tipica della nostra società di sperimentare comunque delle vie nuove per i ragazzi e per i bambini, come la Fiaba Motoria così vale per il Sitting Volley; esperienza positiva anche e soprattutto per i ragazzi, che hanno dato dei feedback ottimi anche all'insegnante. Credo anzi che questo possa rappresentare un punto di partenza significativo per estendere questo 'progetto pilota' anche ad altre scuole. Un ringraziamento a Riccardo Minnucci, che si è occupato in prima persona del progetto con la sua solita coinvolgente passione, all'insegnante Antonietta Quintili ed alla Scuola in generale che ci permette sempre di essere innovativi e sul pezzo su questo fronte; un grazie doveroso anche alla Scuola di Pallavolo Fermana, che ha inviato i suoi atleti come testimonianza."
Presenti infatti anche Cristiano Crocetti, Luca Vallasciani e Federico Ripani, atleti disabili della Scuola di Pallavolo Fermana, medaglia di bronzo agli ultimi campionati italiani di Sitting Volley e membri della Nazionale Italiana. Un'occasione unica, imperdibile ed indimenticabile per i tanti ragazzi presenti, che hanno potuto giocare con i campioni, coinvolgendo anche tutti i ragazzi della Serie A2 della Videx Grottazzolina e dando vita a momenti di puro spettacolo.
Un sitting volley che, nel fermano come altrove, sta conquistando davvero tanti appassionati, e che vivrà ancora un grande momento durante le festività, con il primo “Torneo Internazionale di Sitting Volley”, organizzato dalla Scuola di Pallavolo Fermana nei giorni 29 e 30 Dicembre, e che coinvolgerà i comuni di Monte Urano, Porto San Giorgio e la stessa Fermo, ospitando formazioni di assoluto livello come i Campioni d’Italia di Roma e la Nazionale Ungherese.
 
V.F.